Intro PAS

Ehi tu!
Sì dico a te, persona altamente sensibile.
Voglio parlarti di una cosa molto importante per te:
me stesso.
Come te stesso?
Eh me stesso.
Perché ti parlo di me stesso?
Perché sono come te.
Un’anima antica, o come piace chiamarci alla psicologia e a Elaine Aron, sono una persona altamente sensibile. Non siamo ipersensibili, come capita di sentir dire in giro. Non siamo malati, anche se ad una società narcisita come quella in cui viviamo lo possiamo sembrare.

Siamo persone che hanno poteri. Poteri enormi. Poteri spirituali.
Intuizioni, percezioni, visioni, ma anche sensibilità a non finire.
Ci mettiamo al servizio, perché essendo anime antiche.
Che intendo per anime antiche?
Per anima antica intendo una persona che si è incarnata svariate volte e la sua prima incarnazione supera (almeno) i 1000 anni.
Dicevo, che ci mettiamo al servizio, perché essendo anime antiche, non siamo più giovincelli.

Ti sei mai accorto di avere interessi diversi da quelli dei tuoi coetanei?
Ti sei mai accorto che stai bene in mezzo a persone più grandi, non importa di quanto?
Ti sei mai accorto che ti annoi quando stai in mezzo alla frivolezza?
Ti sei mai accorto che ti rifugi in mondi virtuali, in cui il bene trionfa sul male?
Ti sei mai accorto che vorresti l’equilibrio nel mondo e soffri, spesso anche fisicamente o piangi nel vedere ciò che stanno combinando?
Ti sei mai accorto di avere un’attenzione maggiore rispetto ai pesci rossi che scrollano pagine neanche fosse uno sport?
Ti capita mai di “predire” cose con anni di anticipo e di avere intuizioni che arrivano da non sai dove?
Potrei continuare con le domande, per farti comprendere che sei parte di questo gruppo, ma non serve. Ho già colto la tua attenzione.
Lo so.
Lo sento.
Intanto voglio che fai una cosa per me: vai davanti ad uno specchio, guardati negli occhi e con tutta l’intenzione che puoi avere, ringraziati di essere una persona altamente sensibile. E osserva la reazione che hai, poi scrivila nei commenti se vuoi.
Perché io sono estremamente sicuro che non lo apprezzi davvero, perché ti fa sentire diverso, perché ti fa sentire escluso.
Non sei più solo. Non sei più escluso.
Ora siamo in due, in tre o in tutti quelli che fanno o faranno parte della community del Life Helping.
Che cos’è il Life Helping?
È il primo percorso di consapevolezza al mondo, che ha come scopo la Gioia dell’Essere.
Sì lo so, sembrano paroloni, ma in realtà è più semplice di ciò che si pensa.
Conoscere ogni parte di se stessi, anche quella definita parte ombra. Mettere in discussione ogni pensiero, parola e azione che si compie, andando a comprendere da dove deriva e perché. Successivamente scegliere di cosa riappropriarsi e di cosa no, seguendo la legge della Risonanza, e andare a soddisfare tutti e 44 i bisogni dell’essere umano.
In questi aritcoli ti spiegherò innanzitutto perché essere una persona altamente sensibile è una figata e perché è necessario creare la nostra community. Perché io sono sicuro che non ti piace percepire la sofferenza del mondo. Ma da solo che puoi fare? Insieme però possiamo fare tanto!
Life Helping Baby!

Altri articoli

Persone Altamente Sensibili

Sofferenza e Vittimismo

Nel precedente articolo ho colto la tua attenzione. Adesso inizierò a raccontarti di quanto sia figo essere un’anima antica consapevole di esserlo e di quali

Leggi Tutto »